Aggiornamento meteo dalla valle Seriana, valle Cavallina e valle Camonica

Aggiornamento meteo nelle nostre zone:

Valle di Scalve:

ore: 16, frana anche la strada tra Vilminore e la frazione Sant’Andrea

Valle seriana

Ad Albino intorno alle 15 è stato chiuso nuovamente il ponte sul fiume Serio in prossimità del piazzale della Teb. 

La struttura era stata riaperta al traffico questa mattina intorno alle 7.15 dopo che il livello delle acque era sceso. Ieri pomeriggio il fiume, gonfiato dalle abbondanti precipitazioni, ha portato le autorità a prendere la decisione. 

Rimane chiuso il ponte romano tra Nembro e Gavarno. A Villa d’Ogna a rischio evacuazione per 4 famiglie che abitano nella zona in via duca d’Aosta dove il serio è al limite dell’argine

Ancora chiuso il tratto di ciclabile dal ponte sul Serio a Ogna. A Ponte Nossa chisu il ponte sulla ciclabile

Valle Cavallina

A Trescore Si segnalano pericolosi allagamenti sulla SP89 via Gramsci in località rotonda Valota, località rotonda Fornaci e sulla sp65 località ponte di Canton . Provincia è stata allertata per le incombenze del caso . Altri allagamenti segnalati anche sulle strade comunali , prestare massima attenzione. Per oggi pomeriggio è previsto un peggioramento meteo con abbondanti piogge dalle 14.00 alle 19.00

valle Camonica:

Berzo Demo – L’intervento più importante è stato in località Forno Allione, sulla statale 42 del Tonale, per un masso pericolante e un piccolo smottamento che ha visto impegnati per tutto il giorno vigili del fuoco, tecnici Anas, carabinieri di Cevo e l’Arnica per le verifiche sul fronte pericolante. Il traffico è stato tenuto sotto controllo per il rischio caduta sassi e al termine dei sopralluooghi è stato dato il via libera. Sassi sono caduti anche sulla linea ferroviaria tra Malonno e Cedegolo.

A Incudine e Vione, sempre sulla 42, si sono verificate piccole frane con interventi dei vigili del fuoco di Vezza d’Oglio e Ponte di Legno, oltre alle squadre di Protezione Civile per rimuovere la terra.

Invece nel pomeriggio una squadra dei vigili del fuoco di Edolo e i volontari della Protezione Civile di Sonico sono intervenuti sul sentiero che porta al rifugio Premassone per rimuovere un masso che ostruiva il passaggio.

A Edolo sono saltate alcune tubature dell’acquedotto ed è stato attivato un servizio di autobotti per portare agli anziani l’acqua a casa.

In tutta la Valle Camonica è alto il rischio smottamenti, dopo le precipitazioni delle ultime ventiquattr’ore e quelle attese per la giornata di domani. In quota si sono registrate abbondanti nevicate, con oltre un metro al ghiacciaio Presena e nelle prossime ore la quota neve dovrebbe ulteriormente abbassarsi.

Cevo

Smottamento sulla Sp 6, la provinciale che unisce Cedegolo a Cevo (Brescia), con la strada che è stata chiusa. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Edolo, i carabinieri di Cevo e i tecnici della Provincia di Brescia per valutare l’intervento ed eventuali  altri rischi.

Le piogge delle ultime due giornate hanno ingrossato il fiume Oglio e la preoccupazione maggiore è nella zona della media Valle dove è tenuto sotto controllo. Nell’Oglio sono anche confluite grandi masse d’acqua e detriti dall’Alta Valle e dalla Val Grigna. Intanto nelle acque del Sebino sono giunti alberi, sradicati dalla furia dell’acqua e dagli smottamenti. Tra Costa Volpino e Pisogne galleggiano tronchi e rami, che potrebbero rappresentare un pericolo per il servizio di navigazione.

Nelle giornata odierna è prevista una nuova ondata con pioggia e neve in quota (oltre i 1.800 metri). Chiusa dalla scorsa settimana la strada del Gavia (Sp29), in Valtellina, per le precipitazioni delle ultime ore, sono state chiuse diverse strade, in particolare la statale 38 tra Bormio e il passo Stelvio (chiusa anche sul versante altoatesino), quindi quelle del Passo Spluga e della Forcola, mentre si transita solo con catene montate o gomme da neve sui passi del Foscagno e Bernina.

Ore 17: a causa delle piogge insistenti, nella zona del cimitero di Cerete Alto, che non è nuova a questi episodi, si è verificato uno smottamento del versante con detriti che si sono riversati sul manto stradale.