Arriva il parco fluviale sul Cherio con le vasche anti esondazione, ma gli imprenditori della Calvarola non ne sanno nulla

Due progetti e mezzo o tre, dipende dal punto di vista, sul Cherio sono molti i progetti che sono partiti o stanno per partire nei prossimi mesi, dalla riqualificazione delle sponde alle vasche di laminazione fino ad un progetto di parco fluviale nella zona che va dalla Calvarola fino alla zona del Molino dei Frati. Del progetto Aipo si tratta di riqualificare le sponde con il Comune di Trescore che fa da capofila (vedi l’articolo a fianco) per quanto riguarda il progetto delle vasche di laminazione si tratta di un lavoro più ampio che dovrebbe finalmente risolvere le esondazioni del Cherio, almeno per quanto riguarda la zona della Calvarola e le aree a sud di Zandobbio, i punti insomma dove il Cherio nel 2014 e nel 2016 aveva provocato i danni maggiori con l’argine distrutto a Gorlago con conseguente straripamento del fiume e l’allagamento dei capannoni della Calvarola.

Di questo progetto se ne sta occupando l’architetto Raffaello Cattaneo, che da tempo segue le tematiche del Cherio. SU ARABERARA IN EDICOLA DAL 1° GIUGNO