CASTELLI CALEPIO La sentenza da ragione all’ex sindaca Belotti che torna in consiglio e mette in minoranza Benini: “Non farò ricorso, le sentenze si rispettano”

La sentenza ha dato ragione a Clementina Belotti, ex sindaca, ex assessore, ex consigliere, uscita poi dal consiglio per una presunta incompatibilità quando la maggioranza le ha chiesto, in qualità di ex sindaca, 58.000 euro per una storiaccia con Uniacque. Arriva la sentenza e tutto cambia. Clementina Belotti non deve pagare i 58.000 euro, quindi non è incompatibile, quindi rientra in consiglio comunale al posto di Colombi che è uno dei fedelissimi del sindaco Giovanni Benini che quindi non ha più la maggioranza, 7 a 6 e quindi il paese rischia il commissariamento giusto a pochi mesi dalle elezioni. In questi giorni il tam tam di voci parlava di un ricorso alla sentenza da parte del sindaco Giovanni Benini in modo da guadagnare tempo e arrivare in surplus alla scadenza del mandato amministrativo ma Benini spiazza ancora una volta tutti: “Non ho intenzione di fare ricorso – spiega il sindaco Benini – le sentenze si rispettano, io ho solo applicato la legge come mi hanno detto gli avvocati, anche se le cose non stanno poi come qualcuno dice, semplicemente questa è una prima sentenza, ora si aspetta quella della Corte dei Conti

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 3 AGOSTO