Francesco e Annalisa, produttori di… ostie

Vergine consacrata, artista e produttrice di ostie, queste le tre anime di Annalisa Vigani, poliedrica ragazza di Villongo che da 5 anni si è buttata con successo in un’avventura tutta particolare. Alla base c’è una profonda fede che l’ha prima portata a consacrarsi nel mondo, ad abbracciare la passione per l’arte sacra ed infine ad aprire un ostificio assieme al fratello Francesco, negozio e laboratorio posto nel cuore di Villongo, in piazza Vittorio Veneto davanti alla parrocchia di San Filastro, una delle due anime del Comune del basso Sebino.

Un’avventura quella di Annalisa Vigani, partita nel mese di aprile del 2013 e proseguita fino ad oggi con un certo successo visto che ormai le ostie di Annalisa e Francesco hanno varcato i confini della provincia di Bergamo. “Io sono nata come artista – spiega Annalisa – ho frequentato il Liceo Artistico e poi l’Accademia Brera di Milano, infine un corso iconografico. Coltivando sempre l’amore per l’arte e soprattutto per l’iconografia, volevo comunque realizzare una nuova attività che avesse a che fare sempre con la liturgia.

Su Araberara in edicola dal 4 maggio