LOVERE – Chiusa la Fondazione di Santa Maria Il Comune si accolla la gestione (e i debiti). Guizzetti: “Non aveva più senso tenerla aperta”. In dodici anni quasi un milione e trecento mila euro di lavori

Si è sciolta la Fondazione di Santa Maria in Valvendra. Si chiude. Dopo quasi 13 anni. Una chiusura non proprio indolore, ma si chiude e il sindaco di Lovere Giovanni Guizzetti preferisce tenere i toni bassi: “Ci sarà tempo per entrare meglio nei dettagli, adesso posso dire che i debiti che sono rimasti se li accolla il Comune così come il futuro della gestione della Basilica di Santa Maria”. Fondazione nata il 2 settembre del 2005 con atto del Notaio Arrigo Staffieri ma la costituzione vera e propria era avvenuta in attuazione della deliberazione consiliare del 18 marzo 2004. Fondazione che poi era subentrata alla ‘Fabbrica di Santa Maria’ definitivamente soppressa nel 2007. Scopo della Fondazione era la gestione del patrimonio artistico storico della Basilica di Santa Maria in Valvendra e di tutte le attività correlate, quindi la conservazione e valorizzazione della Basilica, la promozione della Basilica quale bene per l’esercizio del culto religioso e bene di interesse culturale e turistico, divulgazione culturale del patrimonio della basilica, promozione di visite culturali, convegni, mostre ed altre analoghe iniziative….
SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 9 MARZO