PARRE – Cominelli: a bocce ferme… ecco perché non devo dimettermi da sindaco

Sull’ultimo numero del giornale, proprio sotto elezioni con il sindaco di Parre candidato alla
Regione (con una lista a sostegno di Fontana, Lega), la minoranza della Lega ha protocollato in Comune una richiesta di dimissioni, documento che abbiamo pubblicato interamente con una prima sommaria risposta del sindaco Danilo Cominelli. Il quale, a bocce ferme, vale a dire a urne chiuse, ha diffuso questa riposta ufficiale diretta a tutti i Parresi. Eccola.

* * *

Oggetto: Risposta alla richiesta di dimissioni del gruppo di minoranza protocollata al n° 1029 del 16.02.2018. La presente per chiarire che non c’è alcuna lite pendente fra il sottoscritto e il Comune di Parre che determina una mia incompatibilità con la carica di Sindaco. L’art. 63 comma 1 n. 4 del TUEL (D.Lgs 267/00) sancisce che non può ricoprire la carica di sindaco “colui che ha lite pendente, in quanto parte di un procedimento civile od amministrativo con il Comune” e, al riguardo, il sottoscritto non ha alcuna causa pendente con il Comune…
SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 9 MARZO